Le Torte son Desideri: zucchero, passione e fantasia

0

Mary Corsaro, gaggianese, mamma e imprenditrice. La sua passione per la pasticceria diventa il suo lavoro. Ma come è iniziato tutto questo? Ce lo racconta lei, durante una chiacchierata nel suo colorato negozio di via Roma.

“Mi è sempre piaciuto trafficare in cucina, fin da quando avevo 8 anni, ma la prima cena che ho preparato interamente da sola è stata per la laurea di mio fratello; avevo 15 anni. Dopo le scuole medie mi sono iscritta al liceo scientifico, anche se avrei voluto frequentare l’alberghiero, ma si sa, un po’ per non deludere i genitori, un po’ perchè il liceo mi avrebbe dato maggiori sbocchi nel mondo del lavoro (o almeno così si diceva) ho operato una scelta dettata dalla ragione più che dal cuore. Mi sono diplomata il 9 luglio del 1997 e il 17 dello stesso mese ho iniziato a lavorare in Autogrill. E’ stato un periodo bellissimo, mi occupavo di tutto con passione ed impegno e nel giro di tre anni sono diventata responsabile.

Mary_Corsaro_le_torte_son_desideri

Nel frattempo mi sono fidanzata con Mirko e quando abbiamo deciso di sposarci ho dovuto scegliere tra la famiglia ed il lavoro, non perchè entrambe le cose non avrebbero potuto coesistere ma perchè in Autogrill lavoravo fino alle 2,00 di notte e sarebbe stato troppo pesante riuscire a coniugare lavoro e famiglia. Sono andata quindi a lavorare nel bar dell’Unieuro (nell’edificio a 4 piani dove ora c’è il negozio dei cinesi ndr). Ho fatto la barista per tre anni durante i quali Mirko ha praticamente cresciuto il nostro primo figlio, Simone, che nel frattempo abbiamo avuto. Ma anche il lavoro di barista è impegnativo in termini di tempo e soprattutto di orari; sabati e domeniche fino a sera erano la normalità. Ho dovuto quindi cambiare nuovamente, optando per il lavoro tranquillo per antonomasia: l’impiegata. Torta_Gaggiano_LoOtto ore al giorno, alle 17,00 a casa, weekend libero. E’ stato un incubo! Ho passato un periodo tremendo, dovuto anche al pessimo rapporto che avevo col datore di lavoro che mi ha fatto entrare in depressione. «Molla quel lavoro» mi dicevano i miei cari, ma io non potevo farlo perché nel frattempo ho avuto Riccardo, il mio secondo figlio e lavorare era una necessità. Ma sapevo che non avrei potuto sostenere quella situazione per molto. E’ stato il periodo più brutto della mia vita. Poi un giorno, per caso, navigando su internet mi sono imbattuta in alcuni siti che mostravano delle torte decorate e di design; è stato colpo di fulmine. Non pensavo ad altro, mi dicevo: “ci provo!” Sapevo cucinare, sapevo fare i dolci, quindi perché no? Mi stimolava l’idea di abbinare alla torta tradizionale la creatività del cake design. Torta_Yoda_LoI primi esperimenti di design non sono stati eccellenti, anzi, sono finiti direttamente in pattumiera! Ma ormai la molla era scattata, ho continuato a provare, mi esercitavo giorno e notte, sapevo che avrei potuto farcela, volevo farcela! Dopo diversi tentativi, durante i quali Mirko mi sosteneva e mi aiutava (anche facendo da cavia…) ho realizzato la mia prima torta di design, una torta di Halloween a due piani. Da quel momento è stato un crescendo, ogni cosa che mi veniva in mente potevo farla, ho cominciato a fare torte una dietro l’altra, per i familiari e per gli amici. Avevo il sorriso stampato in faccia 24 ore al giorno! Col tempo ho poi iniziato a collaborare con un ristorante il quale mi dava la possibilità di utilizzare la propria cucina e di fare quindi esperienza diretta sul campo. Contemporaneamente ho aperto una pagina Facebook nella quale mettevo le foto delle mie torte, e dove ricevevo moltissimi apprezzamenti. Cupcake_LoDa lì il passo è stato breve, ormai mi ero fatta esperienza, le mie torte piacevano, non mi bastava più farle per i familiari e gli amici quindi a maggio del 2014 ho deciso di aprire un negozio tutto mio. Ebbene, il 17 luglio dello stesso anno, dopo settimane passate ad allestire giorno e notte il locale, abbiamo aperto. Le torte son desideri è diventato realtà, il mio sogno è diventato realtà! Ora posso sfogare tutta la mia creatività, ho coniugato passione, divertimento e lavoro. Nel mio negozio lavoriamo con prodotti freschi e di qualità e soprattutto su commissione. Non facciamo torte da tenere in frigo in attesa del cliente, vogliamo che il cliente abbia la sua torta appena fatta. Ma non ci fermiamo qui. Da noi il cliente può sedersi al tavolino e consumare un caffè o una spremuta assaggiando i nostri cupcake o una fetta di torta, oppure gustare centrifugati o estratti di frutta (frutta che acquistiamo da un fruttivendolo gaggianese). Produciamo anche torte e pasticceria vegana e per intolleranti, utilizzando sempre e comunque materia prima di alta qualità. Oltre a tutti i nostri prodotti, i nostri clienti possono contare su una serie di servizi, come ad esempio la consegna a domicilio della colazione preparata da noi o delle torte che ci vengono ordinate. Inoltre organizziamo nel negozio laboratori per bambini ed adulti, feste di compleanno e brunch a tema (quest’anno il tema è stato, neanche a dirlo, Expo). Insomma, ci piace avere tanto da fare”.

Dopo una mezz’ora di chiacchierata mi alzo dal tavolino con la bocca piena (di cupcake) ed un pensiero fisso: Mary è la dimostrazione vivente che i sogni possono avverarsi, bisogna solo crederci ed avere tanta, tanta passione.

Articolo pubblicato su Gaggiano Magazine n. zero – Autunno 2015

testo e foto di Marco Costanzo

Comments are closed.