La ciclabile Gaggiano – San Vito

0

A differenza di Vigano, Barate e Bonirola che hanno collegamenti ciclabili col capoluogo, San Vito e Fagnano sono raggiungibili solo percorrendo strade provinciali ad alta densità di traffico. È molto pericoloso, quindi, per una famiglia sanvitese (specialmente con bambini) avventurarsi in bici per raggiungere Gaggiano. Già l’anno scorso in occasione dell’inaugurazione del frutteto al Bosco dei Cento Passi era stata annunciata la realizzazione di una pista ciclabile. Noi, armati di bici, macchina fotografica e gambe allenate abbiamo perlustrato il collegamento verificando la situazione attuale.

• Siamo partiti dalla stazione, percorrendo il sottopassaggio che immette nel nuovo parcheggio, a nord della ferrovia.

Ciclabile-Gaggiano-San-Vito-01

• Da qui abbiamo imboccato la sterrata che corre parallela alla provinciale puntando verso il cavalcavia.

Ciclabile-Gaggiano-San-Vito-02

• Questo tratto e caratterizzato da un terreno compatto e facilmente percorribile. Dopo il cavalcavia si arriva ad un bivio: proseguiamo dritto.

Ciclabile-Gaggiano-San-Vito-03

• Sul sentiero che costeggia la ferrovia l’erba alta comincia a creare qualche problema di percorribilità. Mamme con seggiolino e bimbo piccolo farebbero molta fatica.

Ciclabile-Gaggiano-San-Vito-04

• In fondo al sentiero l’erba è altissima, abbiamo proseguito con la bici a mano. Qui le mamme con seggiolino e bimbo piccolo non hanno possibilità di andare oltre.

Ciclabile-Gaggiano-San-Vito-05

• Pochi metri dopo arriviamo ad un ostacolo superabile solo con bici in spalla, un fosso sul quale è previsto un ponticello, di fatto, non ancora realizzato. Ci siamo fermati qui.

Ciclabile-Gaggiano-San-Vito-06

Il tracciato esiste al 100% ma non è ancora percorribile, mancano diversi lavori come il ponticello che supera il fossato e la spiana- tura della pista. Superando il fosso (ultima foto) si prosegue costeggiando i campi e si arriva al Bosco dei Cento passi (lo abbiamo appurato) ma ancora non è di fatto possibile. Speriamo di poterlo vedere finito ed utilizzabile per la prossima stagione.

Articolo pubblicato su Gaggiano Magazine n. Zero – Autunno 2015

testo e foto di Marco Costanzo

 

Comments are closed.