Il Mercatino di Natale fa il pieno

0

testo e foto di Marco Costanzo

Dicembre, mese del Natale, del presepe, dell’albero, delle luminarie e dei mercatini… Domenica 13 Gaggiano ha proposto il suo mercatino, piazza della Repubblica, via Curiel e via Gozzadini le location, ampliate rispetto allo scorso anno, così come più numerose sono state le attrazioni e gli espositori. Ma vediamo come è andata. (La fotogallery è in fondo all’articolo)

Bancarelle.

Più numerose rispetto all’edizione 2014 e dislocate nei due punti di maggior interesse, vale a dire piazza della Repubblica e via Gozzadini. Il pubblico è stato numeroso fin dal mattino, soprattutto in piazza della Repubblica dove era installato il palco sul quale si sono esibiti Anna, una bravissima violinista che ha suonato melodie natalizie e Giancarlo Di Prisco, che ha proposto musica di vario genere ed ha condotto il sempre piacevole e divertente karaoke, nel quale le protagoniste sono state alcune bravissime bambine, scatenate sia nel canto che nei balli che si sono susseguiti durante il pomeriggio. La via Curiel era dedicata all’arte, con la presenza di pittori, e di poesie, installate lungo il vicolo a mo’ di “incursioni poetiche” da “Naviglio in Versi” di Gaggiano, con la complicità di Interno 78 e AperitifVintage.  Menzione speciale per la bancarella della Cooperativa Terra e Cielo in collaborazione con Caritas, in piazza Ferraroni (fronte chiesa dello Spirito Santo) che per tutto il giorno ha raccolto generi alimentari per i bisognosi.

Attrazioni.

Così come l’anno scorso, i bambini hanno potuto provare l’emozione di un giro a cavallo, iniziativa sempre gradita dai più piccoli, grazie al maneggio Red Valley. Anche il laboratorio di falegnameria ha avuto molto seguito, i bambini, supervisionati da due adulti esperti, hanno potuto provare a costruire alcuni oggetti in legno utilizzando tavolette, rami, chiodi e martello. Molto particolare la presenza di un artigiano che scolpiva e lavorava il legno utilizzando un metodo ormai completamente in disuso, cioè facendo ruotare il trochetto con una corda attorcigliata su di esso dando il movimento alternato con un pedale. L’artigiano ha realizzato durante la giornata diversi oggetti col solo uso di utensili a mano. Sempre divertenti, per finire, il trucca bimbi e le sculture di palloncini ad opera di Gabriele e Giada della compagnia FavolaFolle. Ad allietare la manifestazione, oltre al già citato punto musica, ci ha pensato la banda di Gaggiano che per le vie del paese ha portato allegria suonando le tradizionali musiche natalizie. E’ forse mancato solo un Babbo Natale che distribuisse caramelle ai bambini, ma vabbè… sarà per il prossimo anno.

La caccia al tesoro.

Attrazione di punta per i bambini è stata la caccia al tesoro, organizzata dai commercianti gaggianesi. Divertente, brillante e… stancante! Soprattutto per per i genitori che hanno dovuto seguire di corsa gli scatenati cercatori per le vie del paese (chi scrive è stato il caposquadra dei “folletti”). Di tappa in tappa, di negozio in negozio, i bambini hanno finalmente trovato il tesoro di Babbo Natale, non prima però di aver risolto indovinelli ed effettuato prove di abilità. Bella l’idea di coinvolgerli nella raccolta di generi alimentari per la Caritas, svelando come ultima tappa proprio il banchetto di raccolta in piazza Ferraroni.

Una manifestazione riuscita, quindi, decisamente meglio dello scorso anno, sia come affluenza di pubblico, sia come numero di iniziative.

Comments are closed.